Blog: http://Mari.ilcannocchiale.it

Tutta Colpa di Luisa! (L'Orchestra Di Piazza Vittorio)

Ieri sera si era deciso di andare a Villa Borghese perché, all'interno dell'Eco Festival, suonava la mitica Orchestra di Piazza Vittorio. Ed è proprio da loro che inauguro la mia nuova rubrica, dove scriverò dei miei artisti preferiti, dei concerti che vedrò, o che ho già visto, e delle nuove scoperte che non mi stanco mai di fare.

Nel 2002 nasce l'associazione Apollo 11 per evitare che lo storico Cinema Apollo di Roma divenisse una sala bingo. Vista la vicinanza con Piazza Vittorio,nel multietnico quartiere dell'Esquilino, l'associazione decise di programmare film multietnici. Cosi nacque l'idea di formare un'orchestra con musicisti di varie etnie e culture, che potessero apportare ognuno il proprio bagaglio musicale. Cosi nacque l'Orchestra di Piazza Vittorio, che devo molto alla costanza e alla tenacia di Mario Tronco, tastierista degli Avion Travel e direttore artistico dell'Orchestra.
Dal 2002 ad oggi l'Orchestra è riuscita a farsi conoscere in tutto il mondo e ha ricevuto anche molti premi per la capacità di fondere tante culture diverse e formare una miscela di suoni unici. I musicisti vengono dall'Italia, dalla Tunisia, da Cuba, dal Brasile, dagli Stati Uniti, dall'Ungheria, dall'Ecuador, dall'Argentina e dal Senegal e suonano non solo strumenti classici, ma anche quelli che fanno parte delle tradizioni musicali dei paesi di ognuno di loro.
Nel 2006 esce il film "L'Orchestra di Piazza Vittorio" di Agostino Ferrente, che racconta la storia dell'orchestra e di come si è evoluta negli anni.
Due sono gli album usciti fin'ora: L'orchestra di Piazza Vittorio e Sona (2006).

Io li ho conosciuti per caso, ascoltando una delle compilation di Chill Out che escono ogni estate con L'Espresso (raccolte che consiglio vivamente, io le collezioni da 4 estati) e sono rimasta colpita da come la loro musica possa entrarti nella testa e farti muovere tutto il corpo. Sono dei musicisti fantastici e averli visti dal vivo è stato veramente adrenalinico.
Ma in tutto questo Luisa che c'entra?? Beh, Luisa è la proprietaria del ristorante cinese dove siamo andate, io e la Tizi, prima del concerto e che ci ha fatto stare sedute per 2 ore per colpa di una lentezza mai avuta prima. Così siamo arrivate per sentire solo le ultime 2 canzoni!!
Spero tornino presto, altrimenti tocca aspettare il 2009, anno in cui porteranno in giro per il mondo il rifacimento del Flauto Magico di Mozart. E non vedo l'ora...

Pubblicato il 22/6/2008 alle 16.45 nella rubrica Rolling Mari.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web